Prima azienda italiana e prima azienda svizzera a presentarsi alla camera di commercio di Benghazi e a partecipare alla ricostruzione del Paese” Così il Presidente della Camera del Commercio Di Libya ci ha accolto. Nel programma, anche formazione e training formativi sul mercato healthcare e riabilitazione.

Abbiamo lavorato per un anno a questo viaggio di lavoro in Lybia, siamo stati i primi a prendere posizione anche prima della politica italiana ma non credo basti per essere preparato a quanto ho vissuto. La città è viva, sicura, va già oltre la guerra: oltre al business, non ci sono parole per descrivere cosa si prova a mangiare un hamburger seduti al porto davanti ai palazzi di Sapri distrutti dalle pallottole oppure sedersi al tavolo con gente che non ti ha mai visto, non parla la tua lingua e fa di tutto perché tu sia a casa tua… questa è la Libya che ho conosciuto e che va sostenuta sviluppando gli scambi e il commercio sul loro territorio; per creare cultura e lavoro.